Consulenza finanziaria

.
Consulenza finanziaria



La Consulenza Finanziaria oggi è ormai divenuta uno degli argomenti più discussi dagli operatori finanziari tradizionali, a volte trattato senza che se ne conoscano a fondo le caratteristiche essenziali. Dalla mancata chiarezza del ruolo di consulente spesso scaturiscono vaghe e confuse interpretazioni sul reale operato di questa figura professionale, specialmente nella parte concernente il rapporto con il cliente e/o con l’eventuale società finanziaria.
Spesso viene confusa la figura del Promotore Finanziario con quella del Consulente Finanziario.
Sappiamo bene che, purtroppo, alcuni promotori finanziari, poiché pressati da Budget di raccolta, sono costretti a collocare prodotti “costosi” e “inadeguati” alle esigenze dei loro clienti, per raggiungere obiettivi prefissati.
Oggi, gli stessi attori dell’industria del management, nonché Banche, Sim e Assicurazioni, consapevoli della caduta di immagine del Promotore Finanziario e per rilanciarne la figura, spesso offrono ai propri clienti un nuovo servizio, la consulenza finanziaria ad opera di un promotore finanziario ma con specifico mandato. Nella struttura delle società di intermediazione finanziaria e assicurativa nasce quindi una figura, risultato di una nuova visione del rapporto tra promotore finanziario e cliente.
E’ evidente che è necessario fare chiarezza sulle tipologie di consulenza finanziaria presenti oggi nel mercato, distinguendo quella “realmente indipendente” da tutte le altre forme di sevizio propriamente o impropriamente denominate nello stesso modo. 
A tal proposito riteniamo utile avvalerci della seguente tabella (fonte Consultique) che chiarisce, in via definitiva, ogni fraintendimento generato dal termine “consulenza finanziaria”.



Si deduce quindi dalla precedente tabella la differenza sostanziale tra un’attività di Consulenza Finanziaria Indipendente, remunerata a parcella, priva di qualunque conflitto di interesse, e una Consulenza comunque strumentale alla vendita, esercitata da banche, sim e promotori finanziari con mandato.


Un ulteriore esempio che meglio può chiarire la differenza tra consulenza realmente indipendente e la consulenza finalizzata alla vendita è rappresentato dal prossimo grafico che evidenzia tra l’altro come in realtà i costi sostenuti per beneficiare della “consulenza strumentale alla vendita” siano di gran lunga superiori ai costi professionali del consulente finanziario indipendente remunerato a parcella dal cliente.


La consulenza strumentale: finalizzata alla vendita


Banca, promotore e private banker, pertanto, si pagano in maniera salata, come dimostra la tabella che evidenzia i costi che mediamente gravano su un portafoglio finanziario (fonte Consultique). Tali costi occulti si rilevano soltanto dai prospetti e dai rapporti annuali.
 
© 2012 NOBANCA · Home | Chi siamo | Consulenza | Servizi | F.A.Q. | Disclaimer | Privacy | Contatti | Credits